BIOGRAFIA

Annamaria Ferramosca nasce in Salento, a Tricase, alla confluenza dei mari Adriatico e Ionio, di fronte all’Albania. Frequenta il Liceo classico a Lecce. In questi anni inizia la sua passione per la letteratura antica, soprattutto per la poesia degli autori greci e latini, ma ben presto scopre anche i contemporanei. Uno studio che proseguirà poi senza pause, contemporaneamente mettendosi alla prova con la scrittura poetica. Da sempre affascinata dal mondo naturale, decide di proseguire gli studi universitari nel campo della Biologia. Si trasferisce a Siena dove si laurea brillantemente in Scienze Biologiche.

Si trasferisce a nel 1970 a Roma, dove si sposa e ha un figlio, cui mette nome Manuel in omaggio alla poesia spagnola contemporanea che in quel periodo monopolizza la sua lettura. Per molti anni insegna Scienze Naturali nei Licei romani. Intanto studia Fitoterapia e si specializza in Scienza dell’Alimentazione, abbandonando poi l’insegnamento e dedicandosi al lavoro di Nutrizionista e contemporaneamente alla scrittura, mai abbandonata, di poesia.

Decide di pubblicare solo dopo uno sterminato chilometraggio di letture poetiche e su sollecitazione del poeta Plinio Perilli, che introduce e presenta la sua prima raccolta dal titolo Il Versante Vero, nel 1999. Dopo l’esito lusinghiero di questo suo libro d’esordio. che ottiene il Premio Opera Prima Aldo Contini Bonacossi, pubblica negli anni le successive raccolte. Con il volume Curve di Livello, edito da Marsilio nel 2006, che riceve numerosissimi riconoscimenti dalla critica, l’autrice diviene nota nel panorama italiano poetico contemporaneo.

Le recensioni critiche evidenziano nel loro complesso la capacità della poetessa di evocare, con un linguaggio originale che fonde impronte di classicità e richiami dalla scienza, la visione possibile di un’umanità capace di abbandonare l’errore per volgersi verso l’incontro solidale planetario. Consistente si fa negli ultimi anni anche la sua attività di scrittura critica su poeti contemporanei e la collaborazione con riviste di poesia, anche in rete, come La Clessidra, Poesia, Gradiva, La Mosca di Milano, Le voci della Luna, Poiein, Blanc de ta nuque, Rebstein, Carte Allineate, Neobar, e sul territorio con l’Associazione culturale romana Villaggio Cultura-Pentatonic.

Fa parte della redazione del portale Poesia2punto0.com, dove è ideatrice e curatrice della rubrica Poesia Condivisa. Sostiene e partecipa ad iniziative di scrittura poetica collettiva, come esercizio non autoreferenziale e scambio moltiplicatore di creatività.

L’incontro con il poeta editore Alfredo de Palchi è decisivo per dilatare la sua poesia in terra americana e in ambiente anglofono con la pubblicazione del volume antologico bilingue Other Signs, Other Circles nel 2009.

Ha presieduto il Premio di poesia De Palchi-Raiziss e fatto parte delle giurie dei Premi Davide Maria Turoldo, don Milani, Il giardino di Babuk. Ha collaborato con note di lettura con le riviste Poesia , La Clessidra, Le Voci della Luna, Gradiva, La Mosca di Milano.

Ha curato la versione poetica in lingua italiana dei testi del poeta romeno Gheorghe Vidican nel volume antologico "3D - Poesie 2005- 2013",CFR,2015.

Numerosi sono i testi in traduzione inglese che appaiono sulle riviste: Gradiva, Freeverse, World Literature Today, Inverse, Salzburg Poetry Review, Italian Poetry Revue, Fire. Sue poesie sono tradotte anche in francese, tedesco, albanese, greco e romeno. Testi in voce sono stati registrati e inclusi nell'Archivio della Voce dei Poeti, Multimedia, Firenze.

Si sono interessati alla sua poesia, tra gli altri: Luca Benassi, Donatella Bisutti, Maria Grazia Calandrone, Marcello Carlino, Manuel Cohen, Donato Di Stasi, Marco Ercolani, Stefano Guglielmin, Giorgio Linguaglossa, Gianmario Lucini, Dante Maffia, Loredana Magazzeni, Gregory Pell, Plinio Perilli, Cesare Ruffato, Paolo Ruffilli, Fabio Simonelli, Donato Valli.